Abbinamenti del Verdicchio dei Castelli di Jesi

Abbinamenti del Verdicchio dei Castelli di Jesi

Dicembre 10, 2018 0 Di Marco Tarantino

Quali sono i migliori abbinamenti del Verdicchio dei Castelli di Jesi? Il Verdicchio dei Castelli di Jesi, insieme al Verdicchio di Matelica, è uno dei migliori vini delle Marche e uno dei Verdicchi migliori al mondo. 

Vino e cucina è il binomio perfetto di cui non ci si stanca mai di parlare. Per noi è importante capire sempre come abbinare al meglio un vino ed esaltarne al massimo le caratteristiche.

Vedremo insieme a cosa può essere abbinato il Verdicchio dei Castelli di Jesi parlando brevemente anche delle diverse denominazioni DOC e DOCG di questo vino, per il quale è stata creata un’apposita bottiglia a forma di anfora. Accenneremo anche alle principali caratteristiche organolettiche del vino e presenteremo infine una lista dei migliori produttori.

Le denominazioni del Verdicchio dei Castelli di Jesi

I vini della DOC prevedono, oltre alle più particolari versioni spumante e passito, il Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico DOC e Classico Superiore DOC, prodotto nelle province di Macerata e di Ancona, la cui menzione “Classico” è riservata al vino ottenuto dalle uve raccolte nella zona originaria più antica.

Poi ci sono i vini della DOCG, ovvero il Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva DOCG e Riserva Classico DOCG, ai quali è richiesto un invecchiamento minimo di 18 mesi di cui almeno 6 in bottiglia a decorrere dal 1° dicembre dell’anno di vendemmia.

La bottiglia a forma di anfora tipica del Verdicchio

Un’apposita bottiglia a forma di anfora, ispirata ai manufatti etruschi, è stata sperimentata e creata  per il Verdicchio dei Castelli di Jesi e che viene utilizzata anche per imbottigliare o vini francesi della Provenza.

Questa bottiglia fu creata e registrata a brevetto nel 1954 dall’Ing. Antonio Maiocchi per l’Azienda vitivinicola Fazi Battaglia e, per la sua originalità ed efficienza, è stata elevata ad opera d’arte, quando, dal 4 novembre 2009 al 31 gennaio 2010, è stata esposta nella mostra Disegno e Design – Brevetti e Creatività Italiani a Roma, presso il Museo dell’Ara Pacis.

La bottiglia è di vetro colore verde smeraldo e di forme sinuose ed eleganti, una silhouette inconfondibile che ha dato il via ad un vero e proprio brand per il Verdicchio.

Le caratteristiche organolettiche del Verdicchio

Il Verdicchio dei Castelli di Jesi è un vino bianco secco dal colore giallo paglierino con riflessi verdolini, il profumo floreale e fruttato.

Al naso esprime note di fiori bianchi ed erbe aromatiche, aromi di frutta, agrumi, mela e pesca.

Al gusto l’acidità è marcata, ma gradevole. Il sapore risulta armonico, con un retrogusto lievemente amarognolo, è caratterizzato da sapidità e freschezza mai eccessive, con un’ottima persistenza all’assaggio e una buona morbidezza.
Un vino ottimo fin da giovane ma che mostra il meglio di sé soprattutto quando viene affinato più a lungo, sviluppando caratteri terziari di grande finezza, i quali danno vita ad un prodotto di grande intensità gusto-olfattiva.

Verdicchio, i migliori abbinamenti del Verdicchio dei Castelli di Jesi a tavola

Bisogna considerare che il Verdicchio dei Castelli di Jesi lascia sul finire un gradevole sapore di mandorla o un più deciso amarognolo. In quest’ultimo caso l’abbinamento a materie prime particolarmente salate, amare o affumicate si rivela ben poco piacevole. Si consiglia quindi di non abbinarlo a piatti eccessivamente saporiti.
Si tratta però di un vino a tutto pasto, dagli antipasti ai secondi, grazie alla sua struttura e persistenza che ci consentono di paragonarlo quasi alla struttura corposa di un vino rosso. Si consiglia di servirlo ad una temperatura media di 8-10 °C.

Gli abbinamenti del Verdicchio dei Castelli di Jesi con gli antipasti

Il Verdicchio è ottimo con antipasti a base di pesce, soprattutto fritture, sushi e fritture di verdure. Ottimo con vongole e cozze, specialmente se gratinate. Il vino si rivela eccezionale anche se abbinato a formaggi freschi o poco stagionati.

Gli abbinamenti del Verdicchio dei Castelli di Jesi con i primi piatti

Il Verdicchio è perfetto per gli abbinamenti con risotti e pasta a base di verdure e pesce, come per esempio il risotto alla pescatora, risotto gamberi e asparagi, pasta con vongole e zucchine, pasta con cozze, spaghetti al sugo di pesce e fettuccine ai frutti di mare.

La versione Riserva, essendo un vino più strutturato, si abbina bene con sapori più intensi e decisi, quindi può essere degustato con pasta a base di tartufo oppure funghi, ma anche con un classico pesto alla genovese.

Gli abbinamenti del Verdicchio dei Castelli di Jesi con i secondi piatti

Abbinando il Verdicchio ai secondi di pesce otteniamo la consacrazione di questo vino.
Il Verdicchio si abbina alla perfezione con secondi a base di crostacei, come per esempio le mazzancolle e gli scampi, soprattutto se accompagnati da un contorno di verdure.

Ricordiamo che il vino è ottimo soprattutto con sapori delicati, infatti consigliamo di degustarlo con pesce al forno come il rombo o l’orata, servite con contorni di verdure o patate. Un abbinamento vincente è con il pesce cucinato in guazzetto, in particolare se si tratta di triglie. Il vino si presta benissimo anche con i cannolicchi e allo stoccafisso cucinati all’anconetana.

Se decidiamo di passare a sopori più decisi è consigliato abbinare un Verdicchio Riserva, fantastico se abbinato a filetti di pesce come il pesce spada, salmone e tonno. La versione Riserva  si rivela ideale anche per accompagnare le carni bianche  come pollo e tacchino, specie se preparate in modo semplice.

I migliori produttori di Verdicchio dei Castelli di Jesi

Nelle Marche ci sono ottimi produttori di Verdicchio, come per esempio Sassi Avari e Piersanti, ma qui vogliamo rendere omaggio al produttore più rappresentativo: Fazi Battaglia. Si tratta di un’azienda nata negli anni ’40 e che si è contraddistinta per la sua ricerca verso l’eccellenza fatta di continue sperimentazioni e selezione dei migliori vitigni, imponendosi come uno dei migliori produttori del territorio. Un’azienda legata alla tradizione e al territorio ma che ha puntato negli anni a creare un brand in grado di rappresentare nel mondo l’intera Italia vinicola.

Ti abbiamo consigliato i migliori abbinamenti del Verdicchio dei Castelli di Jesi, tu con quale abbinamento preferisci consumare questo vino? Dicci la tua nei commenti! Oppure scopri quali sono i 5 migliori vini italiani!