Zenzero storia ed origine

Zenzero storia ed origine

22 Gennaio, 2019 0 Di Daniele Manno

Lo zenzero è pianta erbacea perenne, originaria dell’Asia Tropicale. Dal rizoma si ricava una spezia fortemente aromatica e piccante, che si racconta fosse molto cara a Confucio perché schiariva la mente ed eliminava le impurità.  Questa pianta, durante il Medioevo, fu in Europa una delle spezie più utilizzate in cucina, conosciuta con il nome di “gengevo”. I medici dell’antichità attribuivano molto valore allo zenzero: Dioscoride lo riteneva capace di scaldare e calmare lo stomaco; Pitagora lo considerava un antidoto al morso dei serpenti;
Galeno per il sapore piccante lo classificava “caldo”, come tutte le sostanze afrodisiache.
Secondo la Scuola Salernitana il rizoma spingeva i giovani ad amare, e questa fama contribuì alla nascita di una pozione composta di cannella, zenzero, chiodi di garofano, pangrattato e acqua di rose.
Il poeta maledetto Francois Villon fra le righe del suo “Testamento” elencò anche cento radici di zenzero che secondo lui aveva “la proprietà di fare congiungere gli organi genitali dei due sessi”.
Nel ‘500, le qualità afrodisiache della pianta furono descritte dal Pisanelli come eccellenti “per accrescere il coito: è così anco per dare forza ad uno stomaco debole”. Nelle dottrine mediche tradizionali asiatiche lo zenzero veniva e viene considerato elemento “rovente”. Secondo i cinesi combatte i disturbi provocati dal freddo e i problemi digestivi, mentre per gli indiani è stimolante ed antidolorifico. Similmente, la fitoterapia europea contemporanea attribuisce allo zenzero la proprietà di combattere nausea, vomito e impotenza. Anche se negli ultimi secoli questa spezia ha perso la sua centralità nella nostra cucina, in quella orientale è rimasta molto importante per aromatizzare piatti dolci o salati, salse, chutney indiani, miscele di spezie e bevande.

Zenzero

Proprietà dello Zenzero

Con lo zenzero si possono trattare disturbi come il mal d’auto, il mal di mare, la nausea mattutina. I principi attivi della pianta si concentrano tutti nella sua radice: sostanze non volatili, come i gingeroli, resine e mucillagini.

Nella medicina tradizionale dell’Estremo Oriente, lo zenzero è impiegato nel trattamento dell’osteoartrite, dell’influenza, come stimolante del cuore, come protettivo della mucosa gastrica.

Grazie alle sue proprietà antibiotiche, lo zenzero è un valido alleato di stomaco, intestino, cuore e apparato circolatorio.

Lo zenzero è utile anche contro l’alitosi: può essere d’aiuto, infatti, sorseggiare acqua calda bollita per 10 minuti con zenzero fresco, un rimedio che favorisce la digestione e contrasta l’accumulo di tossine e la fermentazione batterica.

Calorie e valori nutrizionali dello Zenzero

100g di zenzero fresco contengono 80 kcal, e:

  • Proteine 1,82g
  • Carboidrati 17,77g
  • Zuccheri 1,7g
  • Grassi 0,75g
  • Colesterolo 0mg
  • Fibra Alimentare 2g
  • Sodio 13mg

Pianta Zenzero

Controindicazioni dello Zenzero

L’uso dello zenzero dovrebbe essere soggetto a consulto medico nei seguenti casi:

  • Gravidanza e allattamento
  • Se si assumono farmaci antiaggreganti e anticoagulanti (come la cardio aspirana) a causa dell’effetto fluidificante dello zenzero.

L’assunzione va completamente evitate in caso di allergia nota verso una o più componenti e le dosi limitate perché un eccesso di zenzero può provocare gastrite e ulcere.

Ricette allo Zenzero

In cucina viene da millenni utilizzato per condire e preparare piatti salati, dolci e bevande. Sei a dieta ma non vuoi rinunciare a un piatto sfizioso seppure light? Cucina l’orata con zucchine allo zenzero. Cerchi un piatto facile e veloce da gustare con gli amici? Gli straccetti di pollo allo zenzero non deluderanno nemmeno gli ospiti più esigenti. Vuoi coccolare la tua famiglia con un dolce cremoso e profumato? La ricetta del rotolo alle noci con zenzero candito ti farà venire da subito l’acquolina in bocca.