Vin brulè ricetta e storia di una bevanda unica

Vin brulè ricetta e storia di una bevanda unica

Febbraio 18, 2019 0 Di Marco Tarantino

La rassegna del vino torna oggi con una fantastica bevanda prettamente invernale e del nord d’europa e d’Italia ovviamente: si tratta nel dettaglio del vin brulè. Come si fa questa bevanda e da cosa è composta nel dettaglio? Vediamolo insieme nella puntata di oggi della rassegna sui vini italiani. Partiamo dalla spiegazione di questo vin brulè, scoprendo di cosa si tratta per addentrarci poi nella preparazione effettiva di questa bevanda.

Cosa è il vin brulè?

Il vin brulé è una bevanda calda a base di vino (tradizionalmente vino rosso), zucchero e spezie aromatiche diffusa in numerosi paesi e semplice da preparare.
In Italia, soprattutto settentrionale, si trova nei mercatini di Natale, o, più in generale, preparato artigianalmente in pentole o thermos e distribuito al pubblico durante le feste popolari del periodo invernale, compreso Carnevale.
In base alle zone d’Italia varia il vino rosso usato come base per la preparazione. I vini rossi prediletti sono: il Sangiovese, il Barolo, il Pinot Nero, Nebbiolo e Barbera.

Come si fa il vin brulè

La ricetta del vin brulè  non è affatto difficile, basterà del vino rosso, spezie varie e frutta oltre ad un pentolino per far bollire il tutto. Ma cosa serve nel dettaglio per fare il vin brulè? Partiamo dagli ingredienti di quello che è conosciuto all’estero anche come mulled wine:

  • Vino rosso corposo tipo Teroldego
  • Zucchero 100 g
  • Scorza di limone non trattato 1
  • Scorza d’arancia non trattata 1
  • Cannella in stecche 2
  • Chiodi di garofano 8
  • Bacche di ginepro 5
  • Anice stellato 1
  • Noce moscata quanto basta (senza esagerare)

Per realizzare la bibita dovete mettere lo zucchero in primis, quindi versate il vino e tutte le spezie come anche le scorze di limone ed arancia (o se preferite potete anche usare una mela per avere un sapore differente). Versate il tutto e mettete a fuoco lento. Il tutto bollirà ed a quel punto spegnete la fiamma e coprite per tenere vivo il sapore e gli odori.

A questo punto servite ancora calda con l’aiuto di un colino ed il gioco è fatto: gustatevi il vostro vino!

 

LEGGI ANCHE:

LA NOSTRA GUIDA DEGLI ABBINAMENTI DEI VINI

COSA VISITARE VICINO LA CAPITALE? SABAUDIA