Come si realizza il risotto allo zafferano in polvere

Come si realizza il risotto allo zafferano in polvere

Aprile 22, 2019 0 Di Flavia Cantini

Come si realizza il risotto allo zafferano in polvere: conosciamo meglio uno dei primi piatti più tipici e saporiti della tradizione lombarda.

Un risotto dal vivace colore giallo oro e dal sapore inconfondibile, semplice da preparare con pochi ingredienti e perfetto per fare un’ottima figura con gli ospiti.

 

Lo zafferano era già utilizzato ai tempi degli Antichi Egizi per profumi, creme e la decorazione delle stoffe.

Si ricava dagli stimmi del crocus e si può trovare sia in polvere che direttamente in stimmi nei negozi alimentari più specializzati.

 

A Milano si racconta che il famoso risotto allo zafferano sia nato da uno scherzo giocato, il giorno delle nozze, a un decoratore di vetrate che abbondava nell’utilizzo del costoso zafferano per la miscela dei colori: i suoi amici decisero, così, di colorare anche il risotto con il “giallo zafferano“.

Mai scherzo fu più riuscito, possiamo dire: il risotto così insaporito fu talmente apprezzato da diventare piatto tipico della città.

 

Risotto allo zafferano: la ricetta

 

Ma come si realizza il risotto allo zafferano in polvere?

In pochi passaggi, con pochi ingredienti e in pochissimo tempo.

Un altro motivo, oltre alla bontà, per cimentarsi in cucina con il risotto allo zafferano.

 

Vediamo la ricetta per il risotto allo zafferano in polvere.

 

Ingredienti per quattro persone:

  • 360 grammi di riso
  • 1 cipolla bianca
  • 100 grammi di burro
  • 100 grammi di parmigiano grattuggiato
  • 2 bustine di zafferano in polvere
  • 200 ml di vino bianco
  • 1 litro di brodo vegetale
  • sale
  • pepe

 

Fate sciogliere il burro a fuoco lento e, non appena si fonde, aggiungete la cipolla tagliata a pezzetti molto piccoli e lasciatela rosolare per pochi minuti.

 

Dopodiché aggiungete il riso e fatelo tostare per qualche minuto non dimenticando di mescolare di continuo con un cucchiaio di legno per rendere la tostatura uniforme.

Unite il vino bianco e lasciate sfumare il riso.

 

Ora versate anche il brodo vegetale, un mestolo alla volta man mano che il riso lo assorbe.

Continuate a mescolare.

A metà cottura, è il momento di aggiungere la polvere di zafferano e amalgamarla con il cucchiaio in legno.

 

Al termine della cottura, spegnete il fuoco, aggiungete il burro e il parmigiano e mantecate.

Prima di servire e gustare il risotto ben caldo, lasciatelo riposare per almeno due minuti.

 

Ulteriori consigli

 

Vediamo ora alcuni consigli per rendere il risotto ancora più saporito.

 

Se al posto della polvere di zafferano decideste di utilizzare i pistilli, ricordatevi di lasciarli in infusione in un bicchiere d’acqua per tutta la notte in modo che rilascino tutto il colore.

 

Il vino bianco deve essere unito a temperatura ambiente mentre il brodo vegetale deve essere bollente.

Questo per non rallentare la cottura.

Il brodo deve essere aggiunto poco alla volta, questo per permettere ai chicchi di rilasciare l’amido un poco alla volta e di assorbire gli ingredienti in modo graduale donando al risotto una consistenza ottimale.

 

Per rendere ancora più gustoso il risotto allo zafferano, potete aggiungervi altri ingredienti tra cui salsiccia, funghi porcini, frutti di mare o crostacei.

 

Per quanto riguarda la conservazione, questo risotto può essere conservato in frigorifero per due giorni ben chiuso in un contenitore ermetico.

Hai scoperto come si realizza il risotto allo zafferano in polvere, scopri anche la ricetta del carpaccio all’Albese.