Sagre Lazio tutto quello che c’è da sapere

Sagre Lazio tutto quello che c’è da sapere

Aprile 27, 2019 1 Di Flavia Cantini

Sagre Lazio quali sono quelle da non perdere? Il Lazio è una regione che offre davvero moltissimo a livello turistico a partire da Roma Capitale,  passando per il litorale, fino ad arrivare ai pittoreschi borghi.

Oltre alla bellezza paesaggistica, naturalistica e monumentale, un ottimo motivo per scegliere il Lazio come meta per una vacanza è la presenza di svariate sagre, ognuna con le sue peculiarità.

Le sagre nel Lazio da non perdere sono disseminate lungo tutta la regione, distribuite tra borghi e città durante l’intero arco dell’anno. Scopriamo insieme di più sull’aspetto folkloristico regionale.

 

Sagre Lazio: alcune tra le più suggestive

Il Carnevale di Ronciglione (Viterbo)

Il Carnevale più antico e importante del Lazio.

I festeggiamenti iniziano il venerdì e si protraggono fino alla domenica tra cortei, danze, gare di maschere, veglioni e sfilata di carri allegorici. Si svolge in Febbraio.

La Festa di San Benedetto a Subiaco (Roma)

Il 21 marzo a Subiaco si festeggia San Benedetto, il Santo Patrono.

La cittadina si anima con la fiera, la processione al Santo Sepolcro, fuochi d’artificio e il concerto della banda.

 

La Festa di Santa Francesca Romana e Sagra delle crespelle a Veroli (Frosinone)

La prima domenica utile intorno al 9 marzo a Veroli si svolgono due feste in contemporanea: la Festa di Santa Francesca Romana con la processione della statua della Santa e sfilata di carri allegorici con gli antichi mestieri e la Sagra delle crespelle in due zone del paese.

 

Palio di Sant’Anselmo e Sagra del Biscotto a Bomarzo (Viterbo)

Dal 23 al 25 Aprile a Bomarzo si svolge il Palio di Sant’Anselmo: il 24 aprile è il momento delle celebrazioni religiose e della benedizione dei cavalli mentre il 25, dopo una sfilata in costume di 200 persone, si disputa il palio vero e proprio.

In concomitanza è possibile gustare le dolci ciambelle preparate con un’antica ricetta segreta.

 

Festa di San Giovanni: Camèle e il diavolo a Pontecorvo (Frosinone)

Il secondo weekend di Maggio, a Pontecorvo si svolge la Festa di San Giovanni: Camèle e il diavolo.

La festa inizia il sabato con i pupazzi di Caméle e il diavolo condotti per il paese. Alle tre della notte le campane suonano e i cittadini si recano in chiesa per la funzione.

Terminata la messa, la processione raggiunge la Cappella di San Giovanni e le statue di Caméle e il diavolo vengono gettate nel fiume.

Per concludere, picnic sui prati.

 

Carosello storico dei Rioni a Cori (Latina)

Il Carosello storico dei Rioni si svolge un giorno a giugno e l’altro a luglio.

Tre cortei in costume rinascimentale aprono la sfilata alle porte del paese per giungere in Piazza Signina.

Qui si svolge la corsa dell’anello in cui i cavalieri, grazie a lunghe aste, devono centrare gli anelli sospesi.

 

Le “Regne” e l’incendio al Castello a Minturno (Latina)

Le “Regne” e l’incendio al Castello è una manifestazione che si svolge nella prima decade di luglio.

A Minturno i contadini, vestiti con abiti della tradizione, formano un corteo: sui carri trainati dai buoi vengono trasportati pannelli realizzati con spighe di grano e raffiguranti scenari di vita campestre.

Si offre alla Madonna delle Grazie metà del raccolto.

Il centro si anima con danze folkloristiche, mostre e i fuochi d’artificio che simulano l’incendio al castello.

L’Inchinata in tutta la regione

Tra le sagre del Lazio, una delle più importanti è l’Inchinata che ha luogo a Ferragosto in pressoché tutta la regione.

Si svolge con due cortei che trasportano, rispettivamente, la statua della Madonna e la statua di Gesù. Quando si incontrano, le immagini si inchinano.

Festa di Santa Rosa a Viterbo

Il 3 settembre Viterbo festeggia Santa Rosa, Patrona della città, e lo fa con il trasporto della “macchina di Santa Rosa”, una torre alta più di 30 metri e pesante circa cinque tonnellate condotta da cento uomini da Porta Romana fino al Santuario della Santa. Il giorno successivo è il momento della fiera.

 

Sagra dell’uva a Marino (Roma)

La prima domenica di ottobre a Marino si svolge la più antica sagra dell’uva.

Le strade si animano con le sfilate di carri allegorici ornati con grappoli d’uva e il carro settecentesco con la statua in cera della Madonna del Rosario.

Il vino sgorga dalle fontane e la sera è allietata dai fuochi d’artificio. Il Lazio conserva un patrimonio folkloristico tutto da vivere. Venite a scoprire le sagre del Lazio!

LEGGI ANCHE:

I migliori abbinamenti del vino: guida all’uso perfetto