Weekend in Val d’Orcia: le tappe da non perdere

Weekend in Val d’Orcia: le tappe da non perdere

Ottobre 7, 2019 0 Di Flavia Cantini

La Val d’Orcia è una delle zone più belle della Toscana, una meraviglia della natura situata in provincia di Siena, non lontano dal confine con l’Umbria. Patrimonio Unesco, alle pendici del Monte Amiata, è la località ideale per immergersi in un panorama bucolico, impreziosito da borghi senza tempo, castelli, chiesette, cipressi e sinuosi colli verdeggianti. Scopriamo insieme quali sono le tappe da non perdere durante un weekend in questa splendida valle.

Val d'Orcia

Val d’Orcia in tutto il suo splendore e nella sua calma

Montichiello

Pittoresco borgo medievale immerso in un paesaggio bucolico, dove il tempo sembra essersi fermato.

Un affascinante gioiello della Val d’Orcia, raccolto attorno alla sua Rocca, con il centro storico caratterizzato da impervie salite, viuzze intricate, stradine strettissime e case in pietra.

Un tuffo nel passato da godersi senza fretta.

Pienza

La città rinascimentale ideale, ideata dall’umanista Piccolomini ovvero Papa Pio II.

La sua volontà era quella di realizzare una città utopica che incarnasse alla perfezione i principi del Rinascimento.

Pienza venne progettata da all’architetto Bernardo detto il Rossellino, sotto la guida dell’umanista Leon Battista Alberti.

Da non perdere Piazza Pio II, Palazzo Piccolomini e la splendida Cattedrale.

gladiatore

E sapevate che il Gladiatore è stato girato (in alcune scene) proprio in queste zone?

San Quirico d’Orcia

Antico borgo di origine etrusca, immerso in un paesaggio fiabesco lungo la Via Francigena, ha mantenuto viva la sua atmosfera medievale e invita ad ammirare gli scorci pittoreschi che sa regalare e a perdersi tra le stradine lastricate.

Circondato dalle antiche mura quattrocentesche, spicca dall’alto del colle per le rocce e le pievi medievali.

Se vi trovate in zona, prevedete una tappa anche a Bagno Vignoni, frazione di San Quirico, piccolo nucleo caratterizzato da una grande vasca da cui sgorgano acque termali già conosciute dagli Etruschi.

Cappella di Vitaleta

In Val d’Orcia, lungo la strada provinciale di Chianciano 146 tra Pienza e San Quirico d’Orcia, ecco uno degli scorci più suggestivi da cui ammirare e fotografare l’intera valle: la Cappella di Vitaleta, luogo da cartolina.

Castiglione d’Orcia

Ai piedi del Monte Amiata, arroccato su una collina, merita una visita il borgo medievale di Castiglione, lungo la Via Francigena.

Da visitare per la Chiesa di Santa Maria Maddalena, comprende diverse frazioni di notevole interesse: Rocca d’Orcia con l’antica Torre di Tentennano dalla cui cima si ammira tutta la valle, Bagni San Filippo, nota località termale, e Vivo d’Orcia immerso fra i boschi di castagno a 930 metri di altitudine dove visitare la pieve di San Marcello e l’annesso Oratorio di San Bartolomeo.

Radicofani

Antica fortezza sovrastata da un’immensa rocca sulla cui cima si trova una Torre da cui potrete ammirare l’incantevole paesaggio che spazia sulla Val d’Orcia, sul monte Amiata, sul lago di Bolsena e Trasimeno.

Da non perdere il Bosco esoterico Isabella.

Montalcino

Pittoresco borgo posto su un colle che guarda un’incantevole distesa di vigneti, caratterizzato da una rocca che lo domina e dalla torre del Palazzo comunale che ne è il simbolo.

L’incantevole borgo è rimasto pressoché immutato dal XVI secolo ed è quasi fiabesco, il luogo ideale per respirare la suggestiva atmosfera medievale.

Celebre è qui il Brunello, vino rosso tra i migliori in Italia e tra i più apprezzati al mondo.

Una visita è d’obbligo anche alla vicina Abbazia di Sant’Antimo, con la chiesa romanica risalente al XII secolo.

Non aspettare oltre e organizzate uno splendido viaggio nella fiabesca Val d’Orcia.