Castelli Emilia Romagna: i più belli da visitare

Castelli Emilia Romagna: i più belli da visitare

Novembre 16, 2019 0 Di Flavia Cantini

Quali sono i castelli più belli dell’Emilia Romagna? Se amate le atmosfere di altri tempi, i luoghi che trasudano fascino antico e quiete e anche i prodotti tipi del territorio, non potete perdere l’occasione di visitare e soggiornare nei più bei castelli dell’Emilia Romagna, terra di fortezze e castelli per eccellenza.

I castelli in territorio emiliano e romagnolo risalgono al Medioevo e al Rinascimento e, molti di essi, oggi regalano la favolosa possibilità di soggiornarvi come gli antichi re e regine.

Scopriamo allora insieme quali sono i castelli imperdibili sull’Appenino tra Modena e Reggio Emilia e tra le province di Piacenza, Parma e Rimini.

Rocca d’Olgisio, Piacenza

Il complesso fortificato svetta una rupe nel comune di Pianello Val Tidone, tra le valli Tidone e Chiarone.

Tre cinte murarie (di cui l’ultima risale all’Ottocento) circondano il complesso cui si può accedere da due ingressi.

Il maniero, che fa parte del’Associazione dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, riporta tutt’oggi, sullo stipite di un portone, la scritta Arx impavida ovvero fortezza impavida a testimonianza del fatto che era inespugnabile.

 

Castello di Vigoleno, Piacenza

Nel comune di Vernasca, sul crinale tra la Valle dell’Ongina e la Valle dello Stirone, il Castello di Vigoleno è un esempio perfettamente conservato di borgo medievale fortificato.

Anch’esso, come la Rocca d’Olgisio, fa parte dell’Associazione dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza. Inoltre, è stato anche insignito del prestigioso riconoscimento Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano.

 

Castello di Compiano, Parma

Nell’Alta Val di Taro, la fortificazione è collegata al borgo di Compiano ma appartiene al comune di Piacenza che ne ottenne la proprietà dalla famiglia Malaspina.

Merita una visita per i saloni riccamente decorati che custodiscono lussuosi arredi d’antiquariato e per il Museo massonico.

 

Castello di Carpineti, Reggio Emilia

A Carpineti, tra la Valle del Secchia e la Valle del Tresinaro, sorge il Castello che fu proprietà della Contessa Matilde di Canossa.

L’edificio difensivo è punto di partenza del Sentiero Matilde che collega i principali punti d’interesse naturalistico e storico dell’Appennino Reggiano.

Castello di Sarzano, Reggio Emilia

Nel comune di Casina, la fortificazione medievale appartenne a Matilde di Canossa e faceva parte del sistema difensivo delle attuali Terre matildiche, il quale prevedeva tre linee di costruzioni fortificate per presidiare tutto il territorio dell’appennino reggiano.

Il castello, restaurato negli anni Novanta, oggi offre la suggestiva opportunità di trascorrere qui un periodo di soggiorno.

castelli-emilia-romagna-più-belli

Castello di Rossena, Reggio Emilia

Sempre nell’appennino reggiano, a pochi chilometri da Canossa, il Castello di Rossena è un fulgido esempio di architettura unico in Europa.

Restaurato e perfettamente conservato, è il luogo ideale per soggiornare circondati dall’affascinante atmosfera dei manieri del tempo che fu.

castello-di-rossena

Castello dei Montecuccoli, Modena

Nell’Appenino modenese, nel comune di Pavullo nel Frignano, spicca il castello medievale di Montecuccoli con il suo borgo medievale, a 873 metri di altezza.

Anche qui è possibile soggiornare per una vacanza da favola.

 

Palazzo Viviani, Rimini

Concludiamo l’itinerario con Palazzo Viviani, nel borgo fortificato di Montegridolfo, abbracciato dalle colline della Valconca, al confine tra Emilia Romagna e Marche.

Regala una vista mozzafiato sul territorio circostante punteggiato da antiche torri, chiese e rocche abbandonate.