Alla scoperta dei 6 Parchi più belli d’Italia da Nord a Sud

Alla scoperta dei 6 Parchi più belli d’Italia da Nord a Sud

Giugno 20, 2020 0 Di Flavia Cantini

L’Italia offre davvero l’imbarazzo della scelta quando si tratta di decidere cosa visitare: tra città d’arte, bellezze naturali e paesaggistiche, spiagge incantevoli, panorami montani mozzafiato la lista è pressoché infinita.

Oggi vogliamo dare uno sguardo ai Parchi più belli d’Italia, un patrimonio paesaggistico che, da Nord a Sud, non finisce mai di stupire.

Parchi e giardini sono mete ideali da visitare con la bella stagione e la nostra penisola vanta vere e proprie eccellenze che, in alcuni casi, si distinguono come oasi botaniche o musei a cielo aperto.

Scopriamo insieme 6 Parchi tra i più affascinanti che l’Italia ci regala.

Villa Durazzo Pallavicini Genova

La bellissima Villa Durazzo Pallavicini Genova

Villa Durazzo Pallavicini Genova

Gli amanti del mistero e dei luoghi esoterici non potranno non visitare il Parco scenografico-esoterico di Villa Durazzo Pallavicini a Genova Pegli.

La visita dura all’incirca due ore e mezza, si snoda su 8 ettari di collina ed è strutturata su un racconto teatrale a sfumature esoterico – massoniche che rendono la visita davvero unica e introvabile altrove.

Durante la passeggiata all’interno di questo parco vi riempirete gli occhi di meraviglia passando accanto a cascate, laghi, torrentelli, arredi, piante rare, edifici da giardino e la più antica collezione italiana di camelie (con esemplari ultracentenari) che ad ogni primavera regala una fioritura spettacolare.

Un vero e proprio “luogo magico” dove si incontrano scene artistiche di grande pregio nonché una collezione di palme esotiche, l’auricaria e il sughero secolari e la monumentale canfora affiancata al cedro del Libano.

Insomma, un’originale esperienza da non perdere per tutti gli amanti dell’arte, del mistero e delle rare specie botaniche.

Giardini Hambury Ventimiglia

Sempre in Liguria, al confine con la Francia, incantano gli splendidi giardini di Villa Hambury.

I giardini nati dal sogno di Thomas Hanbury nel 1867, si estendono su una superficie di circa 18 ettari e ospitano 5800 specie di piante ornamentali, officinali e da frutto in un contesto paesaggistico unico grazie alla felice armonia compositiva tra edifici, elementi ornamentali e terrazzamenti coltivati.

Qui potete ammirare importanti collezioni di piante succulente, rose, bambù, acacie, agrumi ed eleganti elementi architettonici quali tempietti, fontane, statue e mausolei.

Giardini della Villa Medicea di Castello

Ecco i Giardini della Villa Medicea di Castello

Giardini della Villa Medicea di Castello

A Firenze, i Giardini della Villa Medicea di Via Castello, oggi sede dell’Accademia della Crusca, sono tra i giardini all’italiana meglio conservati d’Italia.

La prima terrazza è composta da 16 aiuole quadrate dove spiccano la Fontana di Ercole e Anteo e, tutto intorno, sculture classiche.

La seconda terrazza accoglie lo spettacolare Giardino degli Agrumi con 500 piante di agrumi e qui si trova la Grotta degli Animali al cui interno risaltano tre bellissime vasche impreziosite da affascinanti statue di pesci e altri animali.

Il terzo livello è costituito da un ampio bosco di lecci e dal giardino all’inglese.

Villa Lante a Bagnaia

In provincia di Viterbo, il Giardino di Villa Lante a Bagnaia è, insieme al Parco di Bomarzo, uno dei più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici risalenti al XVI secolo.

E’ attraversato da un asse acquatico, a tratti invisibile, che sfocia nella pittoresca Fontana dei Mori a opera del Giambologna.

Un luogo magico e davvero suggestivo grazie alle imponenti scalinate, ai giochi d’acqua, alle statue e alle fontane che simboleggiano la supremazia dell’uomo sulla Natura.

Giardino di Villa Rufolo

Il Giardino di Villa Rufolo

Giardino di Villa Rufolo

A Ravello (Salerno), nella cornice della splendida Costiera Amalfitana, il Giardino di Villa Rufolo è conosciuto anche con il nome di “giardino dell’Anima”.

Si sviluppa su due livelli raggiungibili attraversando un viale alberato d’atmosfera ottocentesca.

Le antiche mura, nascoste tra cipressi e tigli, conducono al chiostro moresco e, subito dopo, una piccola scala conduce al primo livello del giardino.

E’ visitabile tutti i giorni dalle 9 fino al tramonto.

giardino della Kolymbethra

Il giardino della Kolymbethra

Giardino della Kolymbethra

All’interno del meraviglioso Parco della Valle dei Templi di Agrigento, il Giardino della Kolymbetra, oggi bene FAI, condensa in 5 ettari la bellezza della natura e del paesaggio agrario di Sicilia.

Sito archeologico e ambientale di notevole importanza, il Giardino è suddiviso in 5 aree: la zona dell’agrumeto, quella delle piante tipiche della macchia mediterranea, quella con vegetazione ripariale e quella con vegetazione rupestre.

Un tripudio di colori e profumi da non perdere tra agrumi, pistacchi, ulivi, allori, mirti, lecci, ginestre, palme nane e altri stupendi rappresentanti della rigogliosa natura mediterranea.